Una terra unica

ARTE & STORIA

La Sicilia è una terra unica. La sua posizione strategica, al centro del Mediterraneo, il suo clima, la sua natura e i suoi paesaggi così diversi ne hanno fatto a sua volta terra di conquista per tantissime popolazioni. Ogni popolo insediatosi ha lasciato qualcosa a questa terra che oggi vive di innumerevoli tradizioni.

Testimonianze vere, che resistono al tempo e che si lasciano ammirare ogni giorno di più.

La Sicilia è una terra magica dove il rispetto della natura regala vini di carattere.

Una cultura unica

In Sicilia ogni evento ha una storia alle spalle. Le tradizioni sono millenarie e sono frutto di tante contaminazioni.

CULTURA

La famiglia.
Da sempre osannata attraverso il cinema, la pittura, la letteratura e l’arte in generale, la famiglia siciliana è l’espressione di una cultura unica. Quasi una sacralità per questa istituzione, al primo posto per ogni siciliano che si rispetti.

Un culto, una devozione che ogni membro deve rispettare e custodire gelosamente. Il nucleo familiare è il centro degli affetti, è l’istituzione primaria che imprime un senso di appartenenza, un modo di essere.

Un legame non solo fisico, di sangue, ma anche mentale. La visione infatti deve essere condivisa: è così che si entra a far parte di questo nucleo che col tempo si rafforza e grazie alla prole si estende alle future generazioni.

Un piccolo mondo

GASTRONOMIA

I mercati.
I tre mercati storici palermitani sono molto più che luoghi dove potere effettuare degli acquisti. Il mercato è un micro-mondo “umano” dove ognuno svolge un ruolo preciso.

Il mercato del Capo si trova nell’antico quartiere arabo degli “schiavoni”.

Il mercato della Vucciria – il cui termine deriva dal francese “boucherie” (macelleria)- in cui inizialmente si vendeva appunto carne.

Infine Ballarò, il cui nome deriverebbe da Bahlara, villaggio sulle colline adiacenti Palermo, è questo il più antico e forse per questo quello più verace.

Tipico dei mercati è la così detta “abbanniata“, ovvero il modo di urlare dei venditori per poter attirare l’attenzione della gente. Ogni mercato è un dedalo di vicoli e stradine dove ci si esalta per gli odori, per i sapori delle specialità; si osserva la storia, con gli antichi palazzi nobiliari e le chiese barocche.

Un piccolo mondo appunto, che suscita fascino e che possiede qualcosa di cui restare impressionato.

La società si è sempre evoluta nel nome della mescolanza, di un aggregazione multietnica antica come il tempo. Tutto questo ha preso parte ad ogni aspetto della vita sociale: il mercato, le feste religiose, la gastronomia.